“Una Madre Patria maltrattante”…

“Una Madre Patria maltrattante”… che sviluppa nei cittadini un attaccamento insicuro ed evitante.
Nella nostra amata madre Patria Italia comprarsi una casetta di legno per rifugio post terremoto non è vista come un azione eroica del povero sopravvissuto alla calamita terremoto…!
Bensi è solo un abuso …contro una complessa procedura burocratica dei numerosi enti e ministeri coinvolti con i loro tempi biblici!

L’emergenza casa dei terremotati senza tetto per i nostri amministratori NON è quindi un problema di emergenza umana e sociale,né per lo Stato né per i predicatori di pace. NON è un problema di una protezione e prevenzione inefficace e irresponsabile.
NON è un problema di nessun primo e ultimo cittadino l’ anziana signora che dice “Grazie preferisco rimanere nella mia terra !…mi sono sentita umiliata quando mi avete sfrattata dalla mia casa e mi avete detto vai ad abitare con i tuoi figli fuori dalla tua terra !”
NON importa a nessuno quando chi ha avuto il coraggio eroico di investire i suoi unici soldi per ricominciare a vivere sotto un tetto troppo freddo d’ inverno e troppo caldo d’ estate pur di rimanere fedele alla terra nella quale ha investito la sua esistenza…

NESSUNO si è posto la domanda “perche Tu terremotato rimasto senza casa accetti di spendere i Tuoi unici risparmi per una casetta di legno in sostituzione della casa devastata dal terremoto?”
perche è più importante ormai una carta con protocollo timbro e firma invece che una persona umiliata ?
E pure il legislatore parla chiaro quando cita i principi di “non mortificare,non abbandonare,rispettare le aspirazioni di chi sta in uno stato di necessita” art.406,410 legge 6 /2004,
una legge di Diritto Made in Italy che ci ha onorato nel 2°congresso internazionale ONU New York 2009 al riconoscimento di essere implementata.
Un Italia che sa scrivere il Diritto …ma non sa più farlo vivere per la gente!
Siamo orfani di una Costituzione schiacciata in ogni Suo articolo e di leggi impolverate da anni in attesa di essere recepite al protocollo di una regione …
Ci sembra che nessuno sia pagato neanche in Parlamento per distruggere la dignità di una persona.
Ma il problema sociale è l unico VERO PRODOTTO QUANTIFICABILE della ns dirigenza politica e amministrativa che fa persino aumentare il PIL e gli affari internazionali!

Basta guardare i pronto soccorso congestionati dai senza tetto,le strade trasformate in dormitoi senza servizi igienici,gli spazi comuni di grande valore ambientalistico e artistico trasformati in accampamenti d immondizia,una disumanità tollerata dall’ indifferenza e dalla irresponsabilità e dalla paura dei codardi.
Forse questo può dipendere da una cecità e sordità psichica contro la quale non esistono vaccini neanche obbligatori!
Perche è solo frutto di una scelta di chi governa e di chi si lascia governare,è nato prima l uovo o la gallina?
Si ! la scelta di NON scegliere il Bene della gente,
la scelta di NON ascoltare i bisogni della gente e delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà,
la scelta di TOGLIERE e TOGIERSI il diritto di essere persona …e tutto diventa CULTURA DELLA NON SCELTA che produce confusione,disordine,malessere,emergenza,
la scelta di costruire BARRIERE nascondendosi nel gioco preferito del legiferare in cambio di immunità parlamentari,del giocare al chiacchierare in web,a fare mille domande ad una voce disperata di aiuto mentre una valanga uccide,alla scelta di costruire BARRIERE DI BUROCRAZIA PER DIFENDERSI DALLA PROPRIA RESPONSABILITA.
…Oserei dire un paradosso! Un suicidio premeditato e collettivo istigato da chi e cosa?
Rileggiamo insieme- “Cronache da Rigopiano. Storie di volontari e di ordinaria burocrazia Mario Sensini pubblica 12/2/17 il racconto di una settimana di lavoro a Rigopiano scritta dal professor Nicola Casagli, docente di Geologia applicata al Dipartimento di Scienze dalla terra dell’Università di Firenze. Vale la pena di leggerla….
Curiosamente invece l’art.163 del nuovo codice, appositamente pensato per le grandi emergenze di protezione civile, non è applicabile perché troppo burocratico.
Una settimana a Rigopiano ci ha fatto vedere che esistono due mondi della Pubblica Amministrazione: uno (largamente dominante) che si muove “a mille”, che comunica via WhatsApp, che risolve problemi e che getta il cuore oltre ogni ostacolo; un altro (minoritario e residuale) che comunica per PEC e fax, che pensa a togliersi le responsabilità piuttosto che a risolvere problemi, che gli ostacoli li crea anche quando non esistono….”
CHI siamo NOI per CHI ci governa? e CHI sono loro per NOI?
Ma che Italiano scelgo io di essere?

Noi de IL LOTO crediamo negli italiani che fanno la spina dorsale del Paese fatta da persone oneste, coraggiose che ogni giorno scelgono di lottare con mezzi leciti,di dire la verità,di sostenere il più debole, da donne che lavorano, amano e fanno crescere i loro figli e proteggono la loro famiglia :
Italiani Made in Italy senza vetrine,senza poltrone,senza scheletri negli armadi!
che pagano ogni lusso che altri consumano a danno dei più poveri,che pagano tre volte ogni servizio con le tasse e con i ticket e le marche da bollo.
Noi de IL LOTO chiediamo agli Italiani se vogliono rimanere la spina dorsale di questo Amato Paese sfruttato da ruoli mercenari che governano per NON governare,
e chiediamo agli Italiani in Italia se vogliono finanziare un “costante maltrattamento di governance del Paese “e non mi stupisco se da una Madre Patria “maltrattante “nascano e crescono cittadini socialmente devianti,minacciati da un insicurezza cronica,da una fragilità esistenziale,da una fame di verità,amore,rettitudine,pace e non violenza.
Li chiamano baby gang,assistiamo a uomini violenti,donne spietate,predicatori ipocriti .

Il sintomo NON è il problema mi dicono gli esperti del sistema : i mostri sono creati dall’ indifferenza e dall’ avidità di chi ha responsabilità di governance nei ruoli educativi,sociali e assistenziali e non in ultimo giudiziari.
Nessuno più fa bene il compito per cui lo Stato lo paga .

Allora qual’identikit del vero politico ?
Siamo NOI che ORA scegliamo “il profilo” di chi ci deve governare ma scegliamo anche il nostro “profilo “di cittadino italiano. Forse solo ispirandoci al nostro cuore che batte silenzioso per suonare le note dei valori umani possiamo tentare di ridisegnare il nostro nuovo profilo di “vero cittadino italiano e “di vero politico italiano”e farli rincontrare dopo tanti anni …per riabbracciarsi come “vecchi amici “e camminare insieme per il Nuovo Tempo di una politica dei Valori Umani a servizio dei Diritti Umani.

IL Movimento politico IL LOTO